Scritto da Super User

Il progetto prevede la creazione di laboratori teatrali con l'intento di formare delle compagnie teatrali che possano dar vita ad un festival della solidarietà itinerante nei vari paesi della provincia, agendo concretamente sul territorio creando occasioni di incontro, conoscenza, condivisione e dialogo con il coinvolgimento delle diverse realtà del territorio, proponendo un'esperienza partecipativa dei soggetti che vivono il disagio (anziani, disabili, immigrati) dall'organizzazione delle prove, alla realizzazione delle scenografie, alla messa in scena delle commedie, alla realizzazione dei vari momenti di intrattenimento, dove ogni partecipante può sperimentarsi in un ruolo attivo.

Il programma in questione è presentato dalle associazioni: Agape onlus, Amici dell'ANFFAS di Favara, Gruppo di Volontariato Vincenziano - sez. Aragona, Ass. Alzheimer, Associazione A.C.M.E. di Campobello di Licata. Le associazioni sono presenti dal 2008 all'interno delle delegazioni del CeSVoP di Agrigento, Sciacca e Campobello di Licata, molte sono state le azioni e gli interventi programmate insieme e che hanno avuto una ricaduta positiva su questi territori. Queste associazioni si occupano di inclusione sociale della fasce più fragili e nello specifico di migranti, disabili e anziani. Queste associazioni hanno resistito alla crisi e sono le poche che in questi territori rappresentano uno dei pochi luoghi solidali per le rispettive comunità. La loro forza e la resistenza è stata possibile grazie al lavoro di rete ed al coinvolgimento degli altri attori sociali, nonché la costruzione di una cabina di regia a livello provinciale, sviluppata in seno alla programmazione del CeSVoP, che ha attenzionato e supportato le associazioni nei singoli territori. La cabina ha permesso di tenere le fila delle attività e diventare un punto di osservazione privilegiato per monitorare le azioni di inclusione che le associazioni realizzano. Obiettivo della rete sarà l'inclusione sociale ponendo la questione del disagio nella dimensione sociale del diritto di cittadinanza, poiché riguarda tutti coloro che partecipano alla vita sociale all'interno di una comunità. Promuovere l'inclusione e far si che ogni persona indipendentemente dalla propria condizione o dalla nazionalità, non subisca trattamenti differenti ma abbia le medesime opportunità di partecipazione e coinvolgimento, agendo nei confronti dei territori per renderli inclusivi in una sorta di rovesciamento del paradigma, curare il territorio per curare le persone.

 

Categoria: